Home Tags Germania

Tag: Germania

Il nucleare europeo e i dilemmi della coalizione “semaforo”

Il sole che ride ammiccante, associato alla scritta Atomkraft nein danke (“energia atomica no grazie”), è un ricordo che accompagna tutta una generazione di militanti antinucleari. I verdi tedeschi sono stati tra gli antesignani del movimento di critica all’impiego del nucleare per la produzione di energia già molto prima della catastrofe di Chernobyl. Ricordo che da ragazzo mi colpì il racconto di un amico che descriveva la loro presenza di massa e la loro organizzazione durante quella che è passata alla storia come la “battaglia di Malville” del 1977, una giornata di scontri violenti che si svolsero intorno a un’allora costruenda centrale francese, e a cui parteciparono anche molti militanti italiani. Questo avveniva ancor prima che si costituissero formalmente in partito nel 1980, e cominciassero il loro lungo processo di conquista delle istituzioni.

Oggi che i verdi sono uno degli elementi integranti della colazione che governa la Germania, non è difficile immaginare come la decisione di includere il nucleare nella “tassonomia verde” delle energie in cui investire per la transizione ecologica dell’Unione europea sia stata tormentata, e abbia scosso non poco le acque all’interno della coalizione. Due importanti ministri del governo, Robert Habeck, che presiede al dicastero Economia e protezione del clima, e Steffi Lemke, che sta all’Ambiente, hanno espresso durissime critiche alla decisione presa in sede europea. Habeck ha liquidato con disprezzo tutta la faccenda come greenwashing, mentre Lemke ha tuonato alla radio di una “gravissima falsificazione” in corso, pur ammettendo che sarà difficile “fare macchina indietro”.

Germania, con Scholz una svolta per l’Europa?

A fine novembre Olaf Scholz, nel presentare ufficialmente il documento programmatico “Osare più progresso”, sottoscritto dalle tre forze che compongono la coalizione “semaforo”, ha...

Il nuovo governo tedesco: “osare più progresso”

Dopo lunghe trattative, di cui solo una parte è stata pubblica, il nuovo governo tedesco sta prendendo forma: e all’insegna dello slogan “osare più...

Pandemia in Germania. Un ritorno del rimosso?

In cauda venenum, dicevano gli antichi. A fine ottobre, proprio nel momento in cui stava per scadere la validità delle norme anti-Covid stabilite nell’ambito...

Il destino dell’Europa appeso al ministero delle Finanze tedesco

La coalizione “semaforo”, che si appresta a governare la Germania, continua ad accapigliarsi intorno alla futura composizione del governo e sull’attribuzione dei ministeri: in particolare lo scontro è molto duro su alcuni dicasteri chiave, come quello delle Finanze. Dopo i primi pourparler, le trattative ufficiali sono cominciate la settimana scorsa, e i partiti hanno affermato di avere l’obiettivo di chiudere il “contratto di governo” entro fine novembre.

La contesa intorno alle Finanze è particolarmente accesa, dato che si tratta del ministero più importante dopo il cancellierato. È un ministero estremamente politico e potentissimo, visto che non solo pianifica la gestione delle risorse finanziarie, ma è anche un riferimento obbligato per gli altri ministeri – alla faccia della sbandierata “collegialità” delle decisioni che vengono prese. Il ministro delle Finanze è dotato, in Germania, di una sorta di “superpotere”: può esercitare un diritto di veto nei confronti delle proposte avanzate dagli altri colleghi. Sebbene sia stato spesso rilevato dai politologi come questo diritto di veto sia in realtà una “spada dal filo smussato”, rimane la possibilità, per il detentore della poltrona, di bloccare processi e progetti che non lo convincono.

Germania, tutte le rogne della coalizione “semaforo”

Con la votazione favorevole dei delegati dei verdi, riunitisi in un mini-congresso per decidere se procedere ulteriormente con le trattative per la coalizione “semaforo”...

Merkel senza eredi diretti. La Spd cerca alleati

La tornata elettorale in Germania si conclude con un sicuro vinto: i conservatori della Cdu-Csu che, nonostante un recupero di qualche punto in extremis,...

Olaf Scholz sul filo del rasoio

La battaglia per il cancellierato si sta facendo incandescente. Con ragione già qualche mese fa Angela Merkel aveva affermato, senza mezzi termini, che le...

Elezioni in Germania, una corsa sempre più incerta

Manca ormai poco più di un mese alle elezioni per il rinnovo del Bundestag, che avranno luogo esattamente il 26 settembre. Dalla tornata elettorale dovrà emergere la coalizione che deciderà il nuovo cancelliere dopo i sedici anni di governo di “Mutti” Merkel. La questione della successione appare ancora molto confusa e non c’è un candidato chiaramente favorito.

I sondaggi più recenti dell’Istituto Forsa, datati 24 agosto e condotti su un campione piuttosto significativo, danno nelle intenzioni di voto pressoché appaiati i conservatori della Cdu-Csu e i socialdemocratici della Spd, cui viene attribuito al momento un risultato intorno al 22% dei suffragi; segnalano però anche una forte crescita dei Verdi rispetto ai risultati della tornata del 2017, che li proietterebbe intorno al 18%. Ridimensionate sarebbero tanto la Linke (il partito della sinistra radicale) quanto l’estrema destra dell’AfD, a conferma di una tendenza che del resto era emersa dalle recenti elezioni amministrative in Sassonia.

Germania, in Sassonia un voto di rilevanza nazionale

La tornata elettorale che si è appena conclusa in Sassonia è stata particolarmente importante. Si trattava infatti dell’ultimo test prima del voto per scegliere...