La favola bella di Di Maio

Se non fosse che l’epoca poco si presta a fare dello spirito, verrebbe quasi da liquidare con una battuta la proposta per la pace in Ucraina avanzata dal governo italiano per bocca del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, riducendola ai termini di una favoletta da raccontare la sera ai bambini, quello che a Napoli potrebbe chiamarsi “trattenemiento de peccerille”. I quattro punti per la pace, che Di Maio ha sottoposto un paio di giorni fa, a New York, al segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, meritano invece un’analisi attenta, dato che, viste le minacce sempre più gravi che incombono sull’Europa, vale la pena di riflettere su ogni proposta che viene avanzata, possa essa sembrare più o meno praticabile o sensata. Il documento – i cui contenuti sono stati anticipati ieri da “Repubblica”, e che è stato elaborato dalla Farnesina in collaborazione con Palazzo Chigi – è stato per ora illustrato in dettaglio unicamente ai diplomatici dei ministeri degli Esteri del G7 e del Quint (Usa, Gran Bretagna, Germania, Francia, Italia).

Riassumiamo quanto è emerso finora del testo, di cui non è stato ancora possibile prendere visione integralmente. Si prevede un percorso in quattro tappe, sotto la supervisione di un Gruppo internazionale di facilitazione, composto da Paesi membri della Unione europea, cui si affiancherebbero anche Paesi non europei ma membri dell’Onu. Il primo passo è il cessate il fuoco, poi verrebbe discussa la possibile neutralità dell’Ucraina, cui seguirebbe l’analisi delle questioni territoriali – Crimea e Donbass in primis –, e infine si darebbe vita a un nuovo patto di sicurezza europea e internazionale. A ogni singolo passaggio, andrebbe verificata l’osservanza degli impegni assunti delle diverse parti, chiave per poter passare al livello successivo delle trattative.

Burkini o non burkini, questo il problema

Si avvicinano in Francia quelle elezioni che potrebbero sottrarre la maggioranza parlamentare a Macron. E mentre questi cerca nel cappello, e la tira fuori, una tecnocrate ex socialista – cioè un’opportunista passata da una lontana collaborazione con l’ex primo ministro Jospin al macronismo più sfacciato –, per affidarle il ruolo di premier in sostituzione di un altro, venuto direttamente dalla destra; mentre accadono queste cose estremamente serie a Parigi, invece a Grenoble – piccola città di provincia ai piedi delle Alpi, famosa per avere dato i natali a Stendhal –, il sindaco ecologista, Eric Piolle, si trastulla con il...

Dopo la Brexit, il Regno Unito a rischio implosione?

La Brexit non finisce di creare problemi alla Gran Bretagna. Ed è oggi la protagonista dello scenario politico uscito dalle elezioni amministrative dello scorso 5 maggio, dove – in un contesto che ha visto vittoriosi i laburisti e in forte calo i conservatori – a vincere sono state quelle forze insofferenti nei confronti del governo centrale, che aveva sponsorizzato l’uscita dall’Unione europea. Se, da un lato, nel Galles, dove il dissenso nei confronti dell’uscita dall’Unione è stato minimo, i conservatori sono comunque quasi scomparsi, dall’altro, sono stati gli indipendentisti ad avere la meglio in Scozia e in Irlanda del...

Un salario minimo legale ed europeo

A un passo dalla rottura. La frattura politica all’interno della Confederazione dei sindacati europei si sta ricomponendo, in questi giorni, proprio mentre le istituzioni europee – il Consiglio, il parlamento e la presidenza a guida francese – stanno inserendo le ultime correzioni alla bozza di direttiva sul salario minimo. Per superare le resistenze svedesi e norvegesi, l’attività diplomatica si è mossa su due piani: da una parte, i sindacati che sono favorevoli a una legge sul salario minimo che cercano di convincere i refrattari; dall’altra, i politici che hanno recepito le critiche e aggiustato il tiro. L’oggetto principale del...

Ultimi editoriali

Ultimi articoli

Ultime opinioni

Ultime analisi

Per Aldo Garzia

Gli articoli