Il moderatismo italiano e i suoi destini

Un principio fatale regge i destini del moderatismo italiano, e lo si può esprimere così: “Per quanti sforzi facciate per collocarvi al centro dello schieramento politico, ci sarà sempre un altro che si posizionerà più al centro di voi”. È una sorta di centrismo sempiterno, quello scaturito dalla fine dell’unico partito che abbia coperto tutte le sfumature del centro per oltre quarant’anni: la Democrazia cristiana. Dopo di questa, c’è stata una diuturna corsa al centro da parte di partiti, partitini, o semplici frammenti. L’ultimo in ordine di apparizione ha preso il nome di “Insieme per il futuro”: e i malevoli già pensano che il “futuro” consisterebbe nel conservare almeno un posto di ministro in un prossimo governo, qualunque sia la maggioranza di cui quello sarà espressione (del resto, l’attuale responsabile degli Esteri ha già dimostrato, nella legislatura in corso, capacità indubbie al riguardo). Di Maio si posiziona un po’ più al centro rispetto a Conte – che pure è al centro, ma con qualche lieve inclinazione a sinistra. E nei confronti del povero Letta? Ancora più al centro, naturalmente.

C’è una difficoltà, però. Pare che sia in cantiere un’altra iniziativa, più centrista di tutti i centrismi possibili, che dovrebbe aggregare anche Renzi, e forse perfino l’amico-nemico Calenda (che di centro tuttavia non si autodefinisce), intorno al sindaco di Milano Sala, sponsor un imprenditore e deputato dallo specchiato curriculum centrista – Forza Italia-Scelta civica-Pd-Italia viva –, uno del varesotto che ci metterebbe i soldi. Si tratterebbe di una “cosa” più draghiana di quanto siano draghiani tutti gli altri. Che farà a quel punto il draghianissimo Di Maio? Sarà o no della partita?

Regionali in Andalusia, un colpo per Sánchez

Non si dormono sonni tranquilli al Palazzo della Moncloa, residenza del governo a Madrid. Lo scorso 19 giugno, in Andalusia – la regione più popolosa del Paese con i suoi otto milioni e mezzo di abitanti –, il risultato delle elezioni anticipate desta più di una preoccupazione per il governo nazionale di sinistra, presieduto da Pedro Sánchez, composto dal Psoe (Partito socialista operaio spagnolo) e da Podemos. Anche se le legislative sono relativamente lontane – autunno 2023 –, i 58 seggi su 109 conquistati dal Partito popolare di Juanma Moreno – equivalenti al 43% – contro i 26 del...

Incontri sulla via di Königsberg: la guerra secondo i filosofi

Strano pensare che la sonnacchiosa, provinciale cittadina della Prussia orientale, in cui secondo la leggenda Immanuel Kant scandiva il ritmo delle giornate con le sue metodiche passeggiate – sempre allo stesso orario, facendo immancabilmente il medesimo percorso, tanto che gli abitanti regolavano gli orologi al suo passaggio –, sia oggi uno dei punti caldi del conflitto europeo. Occupata nel 1945 dai russi, e progressivamente de-germanizzata, ha assunto nel secondo dopoguerra il nome di Kaliningrad. Divenuta dopo la dissoluzione dell’Unione sovietica una vera e propria enclave, senza più collegamenti diretti con il territorio russo, collocata com’è tra Polonia e Lituania,...

Chi è Gustavo Petro, primo presidente di sinistra in Colombia

Il neoeletto presidente della Colombia, Gustavo Petro, 62 anni, ex sindaco di Bogotà, senatore da due legislature, è una novità per l’intera America latina. Ha un profilo inedito, che coniuga passato e futuro nei termini di un’avanzata modernità, finora mai messa in campo. Promette a tutti i cinquanta milioni di concittadini una profonda trasformazione politica, economica e istituzionale, senza vendette, anzi, in uno spirito di riconciliazione. Ha l’esperienza e il carattere per portarla avanti. Dopo la vittoria, giurando sulla propria vita fedeltà agli elettori riuniti nello stadio della capitale, ha detto con arguzia: “Sapremo sviluppare il capitalismo, che non...

Ultimi editoriali

Ultimi articoli

Ultime opinioni

Ultime analisi

Le conversazioni di Michele Mezza

Per Aldo Garzia

Gli articoli