Home Tags Elezioni presidenziali francesi

Tag: elezioni presidenziali francesi

La fredda vittoria di un Macron senza futuro

La tensione dei giorni scorsi, con l’incubo di un Eliseo lepenista e filoputiniano, non si è sciolta in un rito liberatorio ai piedi della...

Francia, adesso avanti verso il “terzo turno”

Emmanuel Macron è riconfermato alla presidenza della Repubblica con una percentuale – oltre il 58% – anche più alta delle previsioni della vigilia. L’elettorato di sinistra, da cui l’esito del ballottaggio dipendeva, ha dimostrato una maturità e una sagacia maggiori di quelle dei dirigenti di tutti i partiti della gauche. I fatti, del resto, stano lì a dirci che, con un accordo programmatico preventivo anche minimo, una coalizione di sinistra avrebbe potuto portare un proprio candidato al secondo turno e forse vincere, se si pensa alla diffusa sfiducia di cui è oggetto oggi Macron, che può cantare vittoria solo grazie al fermo “no” opposto dalla Francia a una sua “orbanizzazione” con Marine Le Pen.

Si guarda ora a quello che può essere considerato il “terzo turno” delle elezioni presidenziali in giugno, cioè al voto per rinnovare l’Assemblea nazionale. È uno dei “segreti” della ricetta del semipresidenzialismo francese, questo meccanismo che fa sì che un capo dello Stato, pur eletto con ampio margine, possa poi non avere la maggioranza dei seggi in parlamento. La volta scorsa il partito personale messo su da Macron, con il brutto nome di “La Repubblica in marcia” (verso dove?), in virtù della presunta novità del personaggio (non dimentichiamoci, però, dei numerosi transfughi provenienti dal Partito socialista e dell’alleanza, che dura tuttora, con il centrista Bayrou), conquistò una solida maggioranza che negli scorsi anni gli ha permesso di governare agevolmente – anche se gli esecutivi hanno visto nei posti chiave personaggi provenienti dalla destra “classica” di matrice gollista, con il proposito di sgretolare questo polo dello schieramento politico dopo avere sgretolato quello socialista. Privo oggi di qualsiasi “luna di miele” con l’elettorato, per il presidente riconfermato si prospetta una sconfitta. Tutti, a destra come a sinistra, affilano le armi per costringerlo a una “coabitazione” (espressione tipica del lessico politico francese che indica la compresenza, al vertice dello Stato, di un presidente della Repubblica e di un primo ministro di diverso colore).

Riflessioni intorno al voto francese

Il voto francese appare come una spettacolare, densa dimostrazione di quel processo che Gramsci avrebbe definito di “disassimilazione” della classe dirigente di un Paese. Più precisamente, l’autore dei Quaderni dal carcere così scriveva, analizzando i prodromi di una insufficiente egemonia politica di una classe di potere che, già prima della seconda guerra mondiale, gli appariva ormai “saturata”: “Non solo non si diffonde, ma si disgrega; non solo non assimila nuovi elementi, ma disassimila una parte di se stessa (o almeno le disassimilazioni sono enormemente più numerose delle assimilazioni)”. Una fotografia perfetta di quanto sta accadendo in Occidente, e che in Francia è diventata dinamica elettorale.

Se anche noi potessimo guardare dall’alto, attraverso un satellite della storia – così come oggi si analizza il teatro di guerra in Ucraina, grazie ai sistemi di monitoraggio dallo spazio della flotta privata di Elon Musk –, vedremmo un pianeta in cui il potere si restringe, si satura nelle sue capacità di rappresentanza, irrigidendosi in autarchie a Est e in plutocrazie tecnologiche a Ovest. In mezzo, osserveremmo le maree di oceani sociali senza partito e senza sindacati, in preda all’ansia individuale di allontanarsi dalle ultime posizioni, cercando di assomigliare sempre più alle odiate élite che si vorrebbero combattere.

L’amara sorte della sinistra francese

Per la seconda volta consecutiva in un’elezione presidenziale, la sinistra in Francia al secondo turno dovrà fare quadrato attorno a un mediocre personaggio, un piccolo opportunista centrista come Emmanuel Macron, per far fronte alla possibile vittoria dell’estrema destra di Marine Le Pen. Tagliarsi fuori dai giochi è facile: nessun accordo preventivo, si evita del tutto di sottoscrivere quel “programma comune” tipicamente mitterrandiano che consentì, un tempo, la vittoria della gauche, e in conclusione si fa affidamento, per disperazione, su un leader narcisista come Mélenchon. Grande risultato arrivare terzo! Con la beffa che se almeno si fosse realizzata, come la volta scorsa, una unità con il Partito comunista – il cui candidato ha preso il 2,3% dei voti – Mélenchon (quasi al 22) avrebbe potuto sopravanzare di un soffio Le Pen (al 23,4), finendo lui al ballottaggio. Ma niente da fare.

Ora bisogna sperare che un elettorato disorientato non voti addirittura per Le Pen. Il che, sulla carta, non sarebbe impossibile. Non soltanto un sondaggio dice che il 20% di chi ha votato Mélenchon è pronto a spostarsi verso l’estrema destra; lo dice la logica politica di stampo peronista in cui è pienamente immerso il leader narcisista di cui sopra, a cominciare dal nome ambiguo del suo movimento, che in italiano suona “la Francia non sottomessa”. Ma non sottomessa a chi? Se si va a vedere, si trovano l’euroscetticismo di fondo, il becero sovranismo “di sinistra”, il vecchio filoputinismo (solo negli ultimi tempi un po’ messo da parte, e pour cause) del cosiddetto tribuno della sinistra radicale. Tutti elementi che giocherebbero a favore di una potenziale osmosi di voti tra questa “sinistra” e l’estrema destra, che dice all’incirca le stesse cose, aggiungendovi soltanto l’odio senza quartiere nei confronti degli stranieri.

In Francia il duello a sinistra tra Taubira e Hidalgo

Partono giovedì 27 gennaio le primarie popolari, i cui risultati si conosceranno domenica 30 sera. L’unica “vera” candidata è Christiane Taubira, a cui si...

Una primaria salverà la “gauche”?

Fra circa novanta giorni, il 10 aprile, si svolgerà il primo turno delle elezioni presidenziali francesi, il secondo due settimane dopo, mentre a giugno...

Le elezioni francesi specchio della crisi europea

A differenza dell’Italia, la vita politica francese è stata scossa negli ultimi anni da agitazioni sociali di notevole portata, delle quali l’aspetto senza dubbio più rilevante, anche per la sua capacità di durata, è stato il movimento dei “gilet gialli”. Non c’è stata però alcuna osmosi tra l’intensità delle proteste – che a tratti hanno assunto la virulenza della sommossa – e i partiti di sinistra. Non parliamo del Partito socialista che, dopo il disastro della presidenza Hollande, è ancora lì a leccarsi le ferite, e guarda soprattutto ai ceti medi urbani (i cosiddetti bobos), mentre lì si trattava di un composito mondo a prevalenza “bianca” (questo va sottolineato) e rurale, essendo i “gilet gialli” anzitutto figli del rancore della provincia contro la capitale Parigi; ma neppure il residuale Partito comunista e i più pimpanti “populisti di sinistra” della France Insoumise si sono giovati dell’onda “gialla”, tant’è che entrambi sono oggi al palo nei sondaggi. È la destra – se non l’estrema destra, con le sue due candidature – che al momento è favorita per il passaggio al secondo turno nelle elezioni presidenziali dell’aprile prossimo, per tacere del forte astensionismo che tutti gli osservatori si aspettano.

In questa situazione, senza nulla di più che un patto elettorale minimalista, la sinistra avrebbe dovuto unirsi per poter portare una propria candidatura al ballottaggio. Non perché vincente, ma proprio perché perdente – e se non altro al fine di evitare la bruttura “repubblicana” di un possibile arrivo in finale di un Nosferatu di estrema destra come Zemmour. Ciò tuttavia non è possibile anzitutto per la posizione settaria dell’ex trotzkista ed ex socialista Mélenchon – riciclatosi come leader di una specie di Podemos francese che non esiste granché nella realtà –, ma, incredibilmente, neppure per i verdi e il Partito socialista, pur vicinissimi tra loro su molti temi, che si preparano a correre separati, mentre la “radicale di sinistra”, Christiane Taubira, ancora esita a lanciare una propria candidatura unitaria, che appare ormai fuori tempo massimo.