Ancora pochi giorni di campagna elettorale, e lunedì prossimo sapremo chi avrà vinto nelle grandi città (Roma, Milano, Napoli, Torino e Bologna), in attesa di eventuali ballottaggi, e alla Regione Calabria. È un buon test elettorale, a pochi mesi dalla fine del semestre bianco e da un chiarimento politico in parlamento. La Lega appare ormai come una grande balena arpionata che affanna per liberarsi dalle lame taglienti e tornare a solcare i mari della politica da vincitrice. Non è certo un buon periodo, per Matteo Salvini e il Carroccio. Dentro il partito c’è aria di crisi, di scontro politico e di potere. Fuori, Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni rastrella reduci e transfughi dalla Lega e da Forza Italia. Colpisce la “bestia” ferita a morte. La “bestia” era la funesta macchina da guerra (mediatica) inventata da Salvini e dal suo collaboratore Luca Morisi, finito all’angolo per una storia di droga.

Soffre Salvini, che nell’ultima campagna elettorale per le regionali si presentò al Pilastro di Bologna citofonando a un inquilino di una palazzina, per chiedere se fosse quella casa un luogo di spaccio di droga. È vero che i “tifosi” non sanno guardare, valutare l’imprevisto che dovrebbe sconvolgere certezze e distruggere miti. Chi ama perdona, sembra dire Salvini, rivolto a Morisi. E i militanti della Lega oggi non sanno se perdonare il loro leader.

La “bestia” è ferita, tramortita. È irriconoscibile il condottiero delle crociate contro gli immigrati e i drogati. Temi che sono passati in secondo piano rispetto alla pandemia. Secondo un sondaggio analizzato da Ilvo Diamanti, sta perdendo “crudeltà” e “aggressività” la campagna contro l’immigrazione. Chi arriva dai paesi lontani non è più temuto come un appestato.

Oggi Salvini invoca una sentenza della magistratura prima di lapidare il povero Morisi, e si dice disgustato dall’accanimento dei giornali e delle televisioni. Lui, che è sempre stato un “guastatore” con un fiuto politico da fare invidia, oggi sembra accasciarsi a terra. Colpito laddove non se l’aspettava. Proprio lui, Matteo Salvini, che ha fatto dell’aggressione e del giustizialismo fai-da-te la sua ideologia, si ritrova oggi a difendere un amico indifendibile. Si è trasformato in un garantista.

Come se non bastasse, il leghista Giancarlo Giorgetti, ministro dello Sviluppo economico, a una settimana dal voto, ha bocciato – in un’intervista – i candidati del centrodestra di Roma e Milano, indicando nel premier Draghi il prossimo capo dello Stato.

Ormai è troppo stretta la maglia del governo, per la Lega. Si sente soffocare, ha bisogno di essere libera per le sue incursioni. Oggi rischia di affogare e vuole cambiar pelle. Se dovesse vincere la corrente governista di Giorgetti e dei presidenti di Regione, la Lega sarebbe condannata a diventare una forza centrista che manderebbe in pensione l’Italia bipolare (che già è in grande sofferenza). Attorno a una Lega moderata potrebbero infatti trovare spazio i reduci e i transfughi di altri partiti che oggi salgono sul carro del (presunto) vincitore, Fratelli d’Italia.

Se invece dovesse resistere Salvini, la Lega è condannata a soccombere di fronte alla coerenza politica di Giorgia Meloni, e a subire emorragie interne proprio in direzione del partito della destra. Il risultato delle comunali avrà delle ripercussioni sul quadro politico, soprattutto sulla destra. Più che il risultato dei candidati a sindaco, per la tenuta del quadro politico conteranno i voti delle singole liste. Forza Italia è destinata a un ulteriore ridimensionamento, anche se potrà gridare alla vittoria con il risultato calabrese (i sondaggi danno vincente il candidato alla presidenza della Regione, il forzista Occhiuto).

E poi tra Fratelli d’Italia e Lega si gioca il primato nel centrodestra. In un’Europa che sta cambiando, il sovranismo e il populismo sembrano arretrare. In fin dei conti, dare per scontato che i sindaci di Milano, Bologna, Roma, Napoli e forse Torino finiranno al centrosinistra, sminuisce la portata storica di questa vittoria e, al tempo stesso, riapre la partita delle prossime elezioni politiche.




Articolo precedenteMerkel senza eredi diretti. La Spd cerca alleati
Articolo successivoAcciaio tricolore e sostenibile?