Home Tags Franco gabrielli

Tag: franco gabrielli

La bufala del “Corriere”, giornale interventista

Più passano le ore più la grande bufala della lista dei “putiniani d’Italia” pare essere stata una cortesia – forse non richiesta ma di...

Quel pasticciaccio brutto delle liste dei putiniani

La prima cosa che dobbiamo avere presente, districandoci in questa putrida matassa, è che in Italia non è accaduto nulla che possa aver destato...

Gabrielli: il Viminale dovrebbe controllare tutti i corpi di polizia

Se le parole del prefetto Franco Gabrielli avessero un seguito, sarebbe una rivoluzione. Quindi non facciamoci illusioni, visti i tempi. Lo scorso 8 luglio, in...

Perché Figliuolo

E guerra sia. La lotta contro il virus fa un salto di qualità con l’arrivo del nuovo commissario straordinario, il Generale di Corpo d'Armata Francesco Paolo Figliuolo. Originario di Potenza, Figliuolo, grande esperto di logistica, pluridecorato, raccoglie stima trasversalmente, tanto che il suo nome ha fatto parte di una rosa per un incarico al vertice quando era ministro della Difesa la pentastellata Elisabetta Trenta. Le bassezze della politica italiana hanno provato da subito ad inquadrare la decisione presa dal duo Draghi-Gabrielli come una sconfitta dell’ex commissario Arcuri, rivendicando alla propria ‘casacca’ la nuova nomina (da Renzi alla Meloni). Niente di più falso e stupido.

Arcuri, nominato commissario straordinario il 18 marzo 2020, ha avuto il compito di affiancare il Governo dall’inizio dell’emergenza, quando peraltro sarebbe stato assai arduo nominare subito un militare al posto di un civile: Arcuri ha dovuto procurare mascherine e attrezzature per le terapie intensive, tanto per cominciare, ma anche dispositivi di emergenza per gli ospedali o banchi per la riapertura delle scuole.  Si è impegnato in una fase disperata della pandemia, in quei mesi difficili che ovviamente ora tutti sono disposti a dimenticare, quando ci si muoveva in un terreno inesplorato, e in Italia scoprimmo l’importanza di avere, e di produrre, ventilatori e mascherine. In quei mesi Arcuri ha avuto il merito di coordinare sforzi drammatici, mentre sfilavano le bare e il virus mordeva i corpi come un cane rabbioso.